News

Pubblicato Lunedì, 28 Agosto 2023

Imballaggi: il nuovo regolamento europeo tra obiettivi e dubbi

Si avvicina la data dell’entrata in vigore e, nonostante siano unanimemente riconosciute le buone intenzioni alla base del provvedimento, crescono le voci di chi esprime preoccupazione per le possibili conseguenze. In particolare per il settore agroalimentare. Di packaging parleremo mercoledì 27 settembre ad AlimentiPiù, II edizione.


La nuova normativa dovrebbe abrogare la precedente regolamentazione: in vigore dal 1994 la Direttiva 94/62/CE era nata con l’obiettivo di armonizzare le diverse misure nazionali relative alla gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio e per promuovere il riutilizzo, il riciclo e altre forme di recupero nell’ottica di contribuire alla transizione verso un’economia circolare. Gli obiettivi erano di raggiungere almeno una quota del 65% in peso di rifiuti di imballaggio riciclati entro la fine del 2025. Più in dettaglio: 50% per la plastica, 25% per il legno, 70 % per i metalli ferrosi, 50 % per l’alluminio, 70 % per il vetro e 75 % per la carta e il cartone. Un ulteriore step per fine 2030 puntava al 70%.


Gli obiettivi
Perché rivedere questa misura allora? In realtà il nuovo Regolamento sugli imballaggi mira ad affrontare il problema che i rifiuti di imballaggio siano in costante crescita. In media, ogni europeo ne genera quasi 180 kg all’anno. Senza un intervento, l’UE stima un ulteriore aumento del 19% entro il 2030, e in particolare per quelli in plastica, addirittura del 46%.
imballaggicarneshutterstock 1919119322A livello generale, la proposta di Regolamento ha 3 obiettivi principali, prevenire la generazione di rifiuti di imballaggio, riducendone la quantità, limitando gli imballaggi non necessari e promuovendo soluzioni di imballaggio riutilizzabili e ricaricabili; promuovere il riciclaggio di alta qualità (“circuito chiuso“), rendendo tutti gli imballaggi sul mercato dell’UE riciclabili in modo economicamente sostenibile entro il 2030; infine, ridurre la necessità di risorse naturali primarie, creando un mercato ben funzionante per le materie prime secondarie e aumentando l’uso di plastica riciclata negli imballaggi attraverso obiettivi obbligatori.
Oltre ad abrogare questa disposizione, la nuova proposta di Regolamento su Imballaggi e rifiuti di imballaggio adottata dalla Commissione UE modifica il Regolamento 2019/1020/UE sulla vigilanza del mercato e sulla conformità dei prodotti e la Direttiva 2019/904/UE sulla riduzione dell’incidenza di determinati prodotti di plastica sull’ambiente.
L’obiettivo principale del nuovo Regolamento è di ridurre i rifiuti di imballaggio pro-capite del 15% entro il 2040, rispetto al 2018. In tal senso, la proposta prevede tre principali direttive:
Riduzione del peso e delle tipologie non necessarie di imballaggi, limitando principalmente la quantità dei materiali (plastica, vetro, carta, alluminio, ecc.) dispersi;
Riutilizzo Dal 1° gennaio 2030 sarà previsto un sensibile aumento delle percentuali di imballaggi riutilizzabili su grandi elettrodomestici, bevande da asporto, take away, scatole per trasporti;
Riciclo Sempre dal 2030 i livelli minimi di materiale riciclato aumenteranno considerevolmente:
30% per gli imballaggi in plastica sensibili al contatto in PET;
10% per gli imballaggi in plastica sensibili al contatto diversi dal PET;
30% per le bottiglie di plastica monouso per bevande; 35% per tutti gli altri imballaggi in plastica.
Come raggiungere questi obiettivi? Perché ciò avvenga le aziende dovranno proporre ai consumatori una certa percentuale dei loro prodotti in imballaggi riutilizzabili o ricaricabili, ad esempio bevande e pasti da asporto o consegne di e-commerce. La progettazione degli imballaggi sarà in formati standardizzati e l’etichettatura sarà resa più chiara e universale, i contenitori per la raccolta dei rifiuti riporteranno le stesse etichette e i simboli presenti saranno i medesimi in tutta l'UE.
Alcune tipologie di imballaggio monouso saranno vietate, come ad esempio gli imballaggi monouso per alimenti e bevande consumati all’interno di ristoranti e caffè, imballaggi monouso per frutta e verdura fresca, flaconi di shampoo, lozioni e bustine in miniatura negli hotel.